sabato 3 agosto 2013

Spaghetti al pomodoro, si però li fa Carlo Cracco

spaghetti al pomodoro di Carlo Cracco

Il pomodoro. Sarà il protagonista del mese di agosto. E' il principe dell' estate. Perché con due pomodori e un po' di buon olio hai già una cena e con due spaghetti una delle paste più buone. E per iniziare in grande stile cosa di meglio degli spaghetti al pomodoro? E per non farci mancare nulla useremo gli insegnamenti di Carlo Cracco dal suo libro " Se vuoi fare il figo usa lo scalogno".
L' unico accorgimento da seguire, specie con questi piatti così semplici, oltre i trucchetti della preparazione consiste nella ricerca della materia prima, perché ieri (non ero a casa mia) ho mangiato due pomodori che di pomodoro avevano amalapena l' aspetto, e da figlia di produttore vi dico di scegliere sempre sempre sempre i prodotti magnifici della nostra terra: non solo perché il sapore è senza ombra di dubbio tutta un' altra cosa, non solo perché aiutiamo l' economia locale, ma anche perché, è bene che lo sappiate, i pomodori che arrivano da altri Paesi non sono sottoposti a tutte le rigidissime norme sulla sicurezza alimentare. Nemmeno se arrivano da Paesi sicuri come la Francia, perché spesso fanno dei giri lunghissimi proprio per baipassare i controlli che altrimenti subirebbero venendo ad esempio, direttamente dall' Africa. Qui trovate un breve articolo per saperne un po' di più: Allarme CIA, invasi dai pomodori del Marocco.
Infine, piccola dritta: quando, specie al supermercato, vedete i ciliegini non a grappolo ma tutti singolarmente sappiate che questi sono scarti di produzione, non che non siano buoni... ma non fateveli passare per roba di prima categoria.
Spero di esservi stata un tantino utile e passo subito alla ricetta di Carlo Cracco.

Spaghetti al pomodoro, con i suggerimenti di Carlo Cracco

Ingredienti per due persone:
  • 160 gr di spaghettoni
  • 130 gr di pomodori dolci e maturi
  • 1 spicchio d' aglio
  • 1 rametto di basilico
  • 2- 3 foglie di basilico per guarnire
  • olio extravergine di olive e sale q.b.
Preparazione
Tagliate finemente l' aglio ( o lasciatelo intero se preferite) e mettetelo in un tegame, dopo un minuto circa, l' aglio non deve dorarsi, aggiungete i pomodori tagliati grossolanamente.
Fate cuocere per un paio di minuti e  quindi aggiungete il sale e il rametto di basilico che rilascerà tutto il suo profumo nel sugo, fate cuocere per ancora altri 4/5 minuti, fin quando la salsa non risulta legata (dipende anche dal tipo di pomodoro e dall' acqua che rilascia) togliete il basilico e spegnete.
Quando la pasta è a due minuti dalla fine della cottura, cioè quando è ancora molto al dente, scendetela dal fuoco e mettete da parte l' acqua di cottura. Finite di risottare la pasta insieme al pomodoro aiutandovi con l' acqua di cottura.
Decorate con il basilico fresco spezzettato con le mani e buon appetito!

spaghetti al pomodoro


Valentina


2 commenti:

Milla Rosamilia ha detto...

mmmmmmmmmm che bontà

Gioia ha detto...

L'ideale è avere lui che te li cucina!!! ADORO QUEST UOMOOOO :)